“Nessuna umanità, dignità, pace se il diritto umanitario internazionale non è rispettato per tutti i generi”

In vista della Giornata internazionale della donna, Mirjana Spoljaric, prima donna presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa, ha parlato alla Columbia University di New York sulle conseguenze umanitarie dei conflitti armati per le donne e le ragazze, nonché del ruolo che il diritto umanitario internazionale può svolgere per evitare che il divario di genere si allarghi ulteriormente. 

DICHIARAZIONE 03 MARZO 2023 – STATI UNITI

Traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo

Intervento di Mirjana Spoljaric, Presidente del Comitato Internazionale della Croce Rossa. Columbia University School of Law – 3 marzo 2023


Signore e signori, care e cari colleghi,

Sono entrata in carica come Presidente del Comitato Internazionale della Croce Rossa (ICRC) cinque mesi fa. È allo stesso tempo un privilegio e una sfida guidare questa organizzazione mentre attraversiamo un periodo critico della nostra storia. In un momento in cui il conflitto armato internazionale tra Russia e Ucraina domina la dinamica politica. In un momento in cui, in più di 100 situazioni in tutto il mondo, la violenza armata continua a infliggere livelli prolungati di distruzione e sofferenza alle popolazioni. In tutto il mondo, le divisioni stanno riaffiorando. I conflitti portano a una negazione dell’umanità – basata su razza, religione, classe, genere. Riducono a negare i progressi duramente ottenuti in materia di sviluppo umano, in particolare sul piano dell’uguaglianza dei sessi.

Non è una coincidenza che i diritti delle donne e delle ragazze stiano regredendo con l’aumentare della violenza. Dove il conflitto persiste, l’uguaglianza per donne e ragazze si sgretola.

In qualità di prima donna presidente del CICR dalla sua creazione 160 anni fa, mi viene spesso chiesto il mio punto di vista su questi temi. 

Oggi vorrei condividere con voi i miei primi pensieri.

Il CICR è un’organizzazione indipendente e neutrale che opera in tutto il mondo per alleviare le sofferenze delle vittime dei conflitti armati e di altre situazioni di violenza. Attraverso le Convenzioni di Ginevra, gli Stati gli hanno conferito il mandato di promuovere il rispetto del diritto internazionale umanitario (DIU). Queste regole garantiscono un livello minimo di umanità nei conflitti. In breve, dicono: non prendete di mira i civili o gli operatori umanitari; non ricorrere a stupri, torture o esecuzioni; non prendere di mira ospedali o scuole; non utilizzare armi illegali; non discriminate coloro che sono in vostro potere. I belligeranti devono conformarsi a questa linea di base. Questi standard minimi sono tuttavia violati in molti conflitti.

Negli ultimi mesi mi sono recata sul campo per osservare le operazioni del CICR in Ucraina, Siria, Etiopia e Mali e per ascoltare le comunità che subiscono quotidianamente le conseguenze del conflitto. Non c’è dubbio che quando il DIU non viene rispettato, sono i civili a soffrirne. E i civili che sono già emarginati o indigenti pagano un prezzo pesante. In una recente visita, ho assistito all’orrore della condizione delle donne nel conflitto. In un dispensario quasi chiuso, diverse giovani donne, ex soldatesse reclutate per combattere, sono rimaste gravemente ferite e hanno dovuto essere amputate. Ma non è tutto: erano state anche stuprate, erano incinte e stavano per partorire senza cure mediche. Stigmatizzate e svergognate furono ulteriormente ostracizzate dalle loro famiglie.

L’orrore assoluto di questa situazione è scioccante. 

Questo, purtroppo, riflette il destino riservato alle donne in guerra. Una realtà troppo spesso ignorata e poco documentata. Come mai le autorità militari contano il numero di morti e feriti, ma non hanno statistiche affidabili sui casi di violenza sessuale nei conflitti? Il silenzio che circonda queste domande favorisce la perpetuazione di questi crimini. Le conseguenze di genere dei conflitti sono sempre più riconosciute nei forum internazionali. Questo è particolarmente vero per diversi eventi che si terranno qui a New York la prossima settimana: la Commissione delle Nazioni Unite sulla condizione delle donne e l’agenda delle donne, la pace e la sicurezza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Il CICR può osservare questi effetti nelle sue operazioni: 

• Nelle zone di conflitto le donne muoiono durante il parto.

• Le ragazze sono più spesso private della scuola rispetto ai ragazzi. Vengono vendute o costrette a sposarsi, le famiglie devono fare delle scelte per garantire la loro sopravvivenza, anche per decidere chi sopravviverà.

• Le donne generalmente hanno meno risorse finanziarie per far fronte a infortuni, danni alla proprietà e perdita di fonti di reddito. Per loro è più difficile accedere all’assistenza sanitaria.

• Le donne sono meno rappresentate nel processo decisionale relativo alla fornitura di aiuti umanitari.

• La violenza sessuale rimane endemica nei conflitti e colpisce in modo sproporzionato donne e ragazze, rovinando le loro vite e violando la loro dignità. 

La disuguaglianza di genere penalizza maggiormente le donne e le ragazze, ma danneggia tutti: ragazzi reclutati per diventare combattenti, persone prese di mira a causa del loro orientamento sessuale o identità di genere. Come avviare il passaggio al rispetto dei valori universali di umanità, dignità e pari diritti per ogni essere umano? 

Ci sono diversi percorsi possibili.

In primo luogo, il diritto internazionale umanitario è fondamentale per la protezione di tutte le vittime dei conflitti. In altre parole, donne, uomini, ragazzi e ragazze, in tutta la loro diversità, sono ugualmente protetti. Non posso sottolineare abbastanza: le parti in conflitto hanno il potere di causare o mitigare il danno di genere. Sono gli stati e i portatori di armi che esercitano violenza, prendono decisioni e distribuiscono risorse. Pertanto, hanno anche il potere di prevenire l’aumento delle disuguaglianze all’interno delle società. Il rispetto del diritto internazionale umanitario migliorerà la sorte di tutte le persone colpite da conflitti armati, indipendentemente dal sesso. Eviterà gli effetti devastanti delle violazioni delle sue regole e contribuirà a ripristinare la stabilità e riconciliare le società.

Elemento molto importante, il diritto internazionale umanitario sancisce il principio di non discriminazione, che vieta qualsiasi discriminazione basata su razza, colore, sesso, religione, ricchezza o qualsiasi altro criterio simile.

L’effettiva attuazione di tale obbligo, tuttavia, esige risorse specifiche e competenze tecniche da parte di coloro che prendono le decisioni in tempo di guerra. Ciò richiede la volontà politica degli Stati parte delle Convenzioni di Ginevra di valutare la propria condotta e di considerare attentamente se le loro forze combattenti sono attrezzate per tener conto della protezione dell’intera popolazione civile, comprese le persone più a rischio, spesso donne e ragazze.

Il CICR ha riunito esperti militari, umanitari e accademici per affrontare il tema del genere nel quadro del DIU e per cercare di rispondere, in particolare, alle seguenti domande: 

• In che modo la condotta militare può mettere le persone a rischio di violenza sessuale?

• In che modo la loro condotta durante l’occupazione può perpetuare le disuguaglianze?

• Come sono attrezzati i loro centri di detenzione per accogliere le donne?

In primo luogo, quando gli Stati si impegnano specificamente a integrare una prospettiva di genere nell’applicazione e nell’interpretazione del DIU, le cose iniziano a cambiare. Eppure solo una manciata di Stati ha preso questo esplicito impegno. Anche le lacune nei dati di genere e i pregiudizi di genere nella pianificazione e nella conduzione delle operazioni militari ostacolano il progresso. La presenza delle donne attorno al tavolo sposta le linee in questo senso: la loro significativa partecipazione all’interpretazione e all’applicazione del DIU aiuta ad ampliare la portata delle informazioni. È anche importante che i comandanti beneficino dei servizi dei consulenti di genere.

In secondo luogo, l’aumento delle disuguaglianze di genere è un monito a cui dobbiamo prestare attenzione. Maggiori sono le disuguaglianze, maggiore è l’instabilità e maggiore è il rischio che il conflitto scoppi o si aggravi.È dimostrato che la pace è possibile quando tutti gli esseri umani sono ugualmente rispettati, liberi da danni fisici o mentali e hanno pieno accesso alle opportunità economiche. Allo stesso modo, l’uguaglianza di genere è un fattore di pace e sicurezza. Un’analisi degli impatti della disuguaglianza di genere e delle norme di genere aiuta a comprendere meglio la probabilità dello scoppio di violenza civile o internazionale, le possibilità di successo degli accordi di pace negoziati e persino i collegamenti con la violenza estrema. 

Le donne sono troppo spesso assenti o in minoranza negli organismi che decidono di fare la guerra. 

Nonostante gli effetti mortali e sproporzionati dei conflitti sulle donne, la questione del genere è relegata in secondo piano – vista come sgradevole o fuori luogo negli ambiti presi dalle emergenze della guerra. Tuttavia, ciò che accade prima e durante, influenza l’esito di un conflitto. Se le donne sono assenti dal mercato del lavoro, non hanno accesso alle cure quando sono ferite o malate, se devono convivere con le conseguenze fisiche e psicologiche della violenza sessuale, se sono indigenti, come possono avere voce in capitolo? È essenziale che le donne non siano solo presenti attorno al tavolo per essere dei figuranti, ma che abbiano il potere di rappresentare la loro comunità. Solo coloro che controllano le risorse possono davvero influenzare il processo decisionale importante.

Terzo, ognuno di noi deve fare la propria parte. La piaga della disuguaglianza di genere affligge strutture, istituzioni e individui. Perverte le nostre case, i nostri luoghi di lavoro, i nostri campi di battaglia. Spetta a ciascuno di noi mettere in discussione la nostra percezione dell’origine del problema. Ho parlato del potere degli Stati e delle parti in conflitto come attori che possono infliggere o alleviare sofferenze. Sebbene sia loro responsabilità rispettare il DIU e fornire soluzioni durevoli, le organizzazioni umanitarie hanno anche il potere e la responsabilità di affrontare le sofferenze derivanti dalle conseguenze e dalle disuguaglianze di genere.

L’azione del CICR è regolata da principi umanitari fondamentali che lo collocano in un quadro etico e operativo; è il rispetto di questi principi che guida il modo in cui integriamo la dimensione di genere nel nostro lavoro. Secondo il principio di umanità, che è la ragion d’essere dell’azione umanitaria, la missione del CICR è proteggere la vita, assicurare il rispetto della persona umana, prevenire e alleviare in ogni circostanza la sofferenza degli uomini. Va da sé che possiamo rispettare pienamente il principio di umanità solo riaffermando instancabilmente i diritti e la dignità di tutti. Il principio di imparzialità, invece, vale solo per aiutare le persone in proporzione alla loro sofferenza. 

L’imparzialità non può essere rispettata senza integrare la dimensione di genere, che ci consente di vedere e comprendere le vaste e diverse esigenze umanitarie delle persone con cui lavoriamo. Questa importante lacuna della nostra azione non è stata ancora del tutto colmata. È dalla fine degli anni ’80 che il settore umanitario ha cominciato a tenere conto delle esigenze e delle esperienze specifiche delle donne distinguendole da quelle degli uomini. Prima di questo, era ampiamente accettato che l’azione umanitaria potesse essere progettata e attuata al di fuori delle norme e delle dinamiche di genere. Oggi non è più così. Al contrario, è evidente che gli interventi che non prendono in considerazione la disuguaglianza di genere rischiano di rafforzare la discriminazione e altri pregiudizi di genere. Garantire un accesso e una partecipazione effettivi e dignitosi per le persone colpite dalla crisi è fondamentale. Stiamo cercando un nuovo orientamento per la nostra azione in modo che le donne siano riconosciute, al pari degli uomini, come agenti attivi e principali esperte di tutto ciò che riguarda la loro esistenza. Le donne e le ragazze devono essere viste, ascoltate e fornite di strumenti per influenzare e partecipare alle decisioni e alle azioni che le riguardano, a partire dai nostri programmi umanitari.

Un terzo principio importante adottato dal CICR è il principio di neutralità

Per il CICR, il rispetto della neutralità implica l’astensione dal prendere parte ai conflitti e mantenere i contatti con tutte le parti belligeranti. In pratica, la neutralità ci consente di negoziare l’accesso alle popolazioni colpite dal conflitto nei luoghi più difficili da raggiungere. Ci permette di conquistare la fiducia della popolazione e di operare in piena sicurezza nei territori di entrambe le parti in conflitto.  In quanto organizzazione neutrale, non prendiamo posizione su questioni politiche, militari o ideologiche. Questo non ci ha mai impedito di cercare l’accesso alle persone colpite da conflitti armati, al fine di alleviare le loro sofferenze e i pregiudizi che subiscono, sotto l’influenza delle dinamiche politiche e di potere.

Il CICR ha una migliore comprensione degli effetti profondamente dannosi della disuguaglianza di genere nelle situazioni di conflitto. Noi vediamo quanto sia importante concepire i nostri programmi in maniera adeguata a rimediare a questo problema. 

La conclusione è che le azioni che ignorano la disuguaglianza di genere rischiano di rafforzare la discriminazione e altri pregiudizi di genere.

Umanità, imparzialità e neutralità. Tenere conto di questi tre principi significa che ci schieriamo solo dalla parte delle vittime di conflitti armati e di violenze, siano essi uomini, donne o bambini, e che ci sforziamo di porre rimedio alle conseguenze di genere del conflitto, in linea con il nostro impegno per l’umanità. Non è un’impresa da poco: le norme di genere sono radicate nella nostra cultura istituzionale e permeano il nostro personale. Il modo in cui scegliamo di usare il nostro potere influenzerà le norme e le dinamiche di genere nelle comunità con cui interagiamo. Chi assumiamo? Chi consultiamo nella comunità per scoprire i loro bisogni più urgenti? È nostra responsabilità assicurarci di non aggravare, anche inavvertitamente, le disabilità che già svantaggiano donne, ragazze e altre persone emarginate. Questo è il modo in cui intendiamo “non nuocere” ed è la condizione per noi per rimanere un’organizzazione umanitaria credibile e degna di fiducia per coloro che serviamo.

Signore e signori, cari studenti,

Concludo facendo il punto sulla situazione attuale.

Se manteniamo la nostra traiettoria attuale, ci vorranno 132 anni per colmare il divario di genere nel mondo. Queste disparità, legate all’empowerment economico e politico, all’accesso all’istruzione e alla salute e alla sopravvivenza, sono particolarmente profonde nelle situazioni di conflitto in cui interviene il CICR. Situazioni che sono ulteriormente aggravate dalle violazioni del diritto internazionale umanitario. Il rispetto del DIU da parte delle parti in conflitto è quindi essenziale per evitare che il divario di genere si allarghi ulteriormente. Non ci può essere umanità, dignità e pace fino a quando questi principi non saranno rispettati per tutte le persone, indipendentemente dalla loro identità di genere. La sicurezza internazionale è soprattutto sicurezza umana, cioè quella di uomini, donne, ragazzi e ragazze in tutta la loro diversità.

In qualità di Presidente del CICR, insisterò sempre sul fatto che il rispetto del DIU è l’unico modo per preservare un minimo di umanità e, in definitiva, per trovare la via della pace e della prosperità. L’equazione è semplice: rispettare il DIU implica rispettare la dignità delle donne e degli uomini allo stesso modo. Proteggere le persone più colpite dalla discriminazione e dalla disumanizzazione – molto spesso donne e ragazze – è al centro della costruzione della pace attraverso il rispetto della legge. 

Grazie a tutte e a tutti.